Terza edizione. La premiazione si è svolta oggi pomeriggio nel cortile del palazzo Tasca

 

Pachino 12 Maggio 2017.

Sette studenti sono stati premiati per il concorso letterario della terza edizione del Festival Brancatiano. Nella splendida cornice del cortile di palazzo Tasca, il sindaco Roberto Bruno e Gisella Calì, esperta del Comune di Pachino per i grandi eventi e per la promozione turistica del territorio, hanno premiato gli alunni partecipanti alle 2 sezioni.

Per la “Scrittura” al primo posto si è classificato Angelo Salerno della III A istituto comprensivo “ Giovanni Verga” con la poesia “Luce nella notte” e la motivazione “La notte è il momento in cui, cullati dal silenzio, si accende dolcemente una nuova luce e con i suoi chiaroscuri può illuminare gli anfratti dove il giorno conduce”.

Secondo posto per Pierfrancesco Bufardeci con la poesia “Cara terra mia” della III A istituto comprensivo “ Giovanni Verga” con la poesia e la motivazione “Canto d’amore per la propria terra che, con le sue bellezze, permette di sognare una vita offerta in dono”.

Terzo posto per Sofia Distefano della III A istituto comprensivo “ Giovanni Verga” con la poesia “Notte del sud” con la motivazione “La grande e splendente notte del Sud illumina luoghi e persone ed apre nuovi orizzonti alla vita”.

Primo posto del podio nella sezione “Grafica” per Martina La Runa e Cavarra Margherita della  III C  istituto comprensivo “ Silvio Pellico”, secondo posto per           Stefania Pagano della III A istituto comprensivo “ Giovanni Verga” e terzo posto per Andrea Cataudella della III A istituto comprensivo “ Giovanni Verga”.

La commissione, formata da Maria Dimartino, Maria Bugliarisi, Gaspare Calì e Salvatore Mallia, ha valutato gli elaborati ispirati alla frase “La grande notte del sud era al suo colmo, pienissima di stelle e di foglie scure, con profumi che strisciavano nell’aria avvolgendosi al collo e serrandolo in un nodo di serpe”, tratto dal racconto “La ragazza e la cimice” di Vitaliano Brancati.