Nella seduta di prosecuzione è stata approvata la delibera con 10 voti su 19 presenti

Pachino 13 Luglio 2017.

Il Consiglio Comunale di Pachino ha approvato il ricorso al piano di riequilibrio, economico e finanziario. La massima assise cittadina, nella seduta di prosecuzione del 12 luglio, ha approvato la delibera con 10 voti favorevoli.

«Il passaggio consumato – ha dichiarato il presidente del consiglio comunale, Turi Borgh -, è di estrema importanza per un comune che vive, da ormai molti anni, una vera e propria emergenza sul piano finanziario. Da oggi è partito un meccanismo che coinvolgerà tutta la struttura amministrativa comunale per determinare gli obiettivi e le modalità per raggiungerli».

Il passo successivo prevede la realizzazione del piano nel dettaglio e la definitiva approvazione.

«Il Consiglio Comunale ha fatto la sua parte – ha continuato Borgh -. Ieri sera abbiamo assistito ad una vera rappresentazione di democrazia. Tra i consiglieri, infatti, si è, chiaramente, mostrato chi ha voluto esprimersi a favore di una manovra di risanamento, senza tenere conto dei propri colori politici e di appartenenza. Si può, allora, affermare che il voto del 12 luglio non è stato un voto politico, ma un voto di appartenenza ad una comunità, determinato, soltanto, dall’idea di perseguire un bene comune che, forse, ancora, in tanti non hanno assimilato».

«Il piano di equilibrio – ha dichiarato il sindaco, Roberto Bruno – è lo strumento previsto dalla legge che servirà a salvare questo ente dall’ipotesi di dissesto finanziario. Abbiamo provato già lo scorso anno a intavolare le condizioni per l’adesione e ci siamo fermati perché non eravamo ancora nelle condizioni di costruire un piano di riequilibrio serio e credibile e anche perché allora non c’era la piena condivisione politica. Adesso abbiamo 90 giorni di tempo per predisporre materialmente il Piano, lavoro per cui intendo coinvolgere tutti i consiglieri comunali, indipendentemente dal voto espresso in aula ieri sera».