Il numero verde comunicato per segnalazioni, guasti e dispersioni è 800900999

 

Pachino 14 Dicembre 2015. Sono iniziate oggi le operazioni di attivazione della rete di distribuzione del gas metano del comune di Pachino. I lavori di attivazione sono state avviate a partite dall’impianto di prelievo di riduzione e misura in contrada Casale Modica, in territorio del comune di Noto. Le attività proseguiranno nei prossimi giorni. «Dopo diversi anni di lavori – ha dichiarato il sindaco, Roberto Bruno -, malcontenti e disagi relativi ai cantieri per la realizzazione della condotta, finalmente possiamo annunciare l’arrivo del metano nelle case dei pachinesi. Un progetto iniziato dalle passate amministrazioni e che portiamo a compimento, dopo avere garantito con grandi sacrifici e impegno, il rifacimento delle carreggiate coinvolte nel passaggio della rete». Al fine di agevolare i cittadini che intendono fare richiesta di allacciamento alla rete del gas è stato istituito, nei locali dell’Ufficio Tecnico di via Catania, apposito un servizio che si occuperà anche di acquisire le criticità riscontrate nell’esecuzione dei vari lavori di ripristino. Inoltre, il numero verde comunicato dalla società ItalGas per segnalazioni, guasti e dispersioni è 800900999. «I contratti preventivi sottoscritti con l’ Italgas – ha dichiarato l’assessore ai Lavori pubblici, Gianni Scala -, e che ad oggi non eseguiti per mancanza dei presupposti tecnici, saranno riconsiderati successivamente all’attivazione della rete di primo impianto, previa specifica richiesta. Inoltre, la risoluzione della tematica dei cortili “catastalmente privati” passerà  attraverso lo strumento della servitù volontaria, da sottoscrivere con il Comune  dopo la fase di esercizio e gestione della rete di primo impianto. Un costante monitoraggio, da parte dell’amministrazione e degli uffici, ha garantito la conclusione dei lavori, con il rifacimento di tutte le strade interessate, seppur ancora in corso, e l’attivazione della rete di distribuzione che sarà disponibile per arrivare nelle case dei pachinesi».