Il patto è stato siglato con tra l’Azienda sanitaria siracusana e tutti i sindaci dell’ex provincia

 

Pachino 9 Settembre 2015. «Migliorare la comunicazione istituzionale sanitaria e sensibilizzare i cittadini sul corretto utilizzo dei servizi erogati dal Servizio sanitario regionale». Lo ha comunicato l’assessore al Welfare e alla Sanità, Giuseppe Nalbone. «L’obiettivo dell’accordo – ha dichiarato l’esponente di Gente Comune – è di contribuire a migliorare il sistema sanitario. E la rete civica della salute costituirà un punto di riferimento e di supporto alle azioni promosse dall’Assessorato regionale della Salute, attraverso un ampliamenti e un rafforzamento della partecipazione dei cittadini con campagne di comunicazione, con la valorizzazione del sito “Costruire salute” e con attività di ascolto e accoglimento delle segnalazioni da parte dei cittadini svolte dagli Uffici relazioni con il pubblico delle aziende del Servizio sanitario regionale». Tra gli altri obiettivi della rete c’è quello di «aumentare e qualificare la partecipazione civica del volontariato – ha precisato il sindaco, Roberto Bruno – non soltanto attraverso il coinvolgimento attivo sul territorio, ma anche favorendo la messa in rete di esperienze e conoscenze provenienti dal mondo giovanile, professionale e accademico». L’adesione alla Rete civica della salute non comporta alcun costo per il Comune. «Nei prossimi giorni – ha aggiunto l’assessore Nalbone – saranno raccolte le adesioni di almeno 5 riferimenti civici della salute per garantire la circolazione delle informazioni». Tra le attività dell’assessorato al Welfare è prevista l’installazione di un altro defibrillatore in piazza Vittorio Emanuele, dopo quello già inaugurato a luglio a Marzamemi.