Ufficio Tecnico

Premessa

Con la Legge Regionale n.16 del 10/08/2016, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 36 del 19 agosto 2016 (Recepimento del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380) è stato recepito con modifiche il testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. Vengono così abrogate la Concessione Edilizia, l’Autorizzazione Edilizia, le istanze e le comunicazioni ex art. 9 LR 37/1985. Resta ancora vigente l’art. 20 della L.R. 4/2003 (circolare dell’assessorato territorio e ambiente del 4 novembre 2016 n.1), e sono ricondotte al regime di comunicazione di inizio dei lavori asseverata (CILA) le opere interne per la chiusura di terrazze di collegamento e/o la copertura di spazi interni con strutture precarie.

Per gli immobili oggetto di istanza dei condoni edilizi del 1985, 1994 e 2003, la Legge Regionale concede una procedura “semplificata” per concludere gli iter delle domande di condono edilizio. In base all’art. 28 della stessa L.R. 16/2016 il titolo edilizio si può ottenere attraverso la presentazione di una perizia giurata da un tecnico abilitato attestante il pagamento dell’oblazione, degli oneri di urbanizzazione e il rispetto dei requisiti necessari per ottenere la concessione in sanatoria. Questa procedura sarà sottoposta a verifiche a campione nella misura del 5%, trascorso il termine di 90 giorni dalla data di deposito della perizia, senza che sia stato emesso provvedimento con il quale viene assentito o negato il condono, la perizia acquista efficacia di titolo abitativo. Resta comunque fatta salva la disciplina paesaggistica, come espressamente ribadito dall’articolo 25 della L.R. 16/2016. Non è previsto espressamente l’obbligo di deposito degli elaborati grafici, ma risulta senz’altro utile allegare ogni documentazione ed elaborato tecnico necessario a confermare i contenuti della perizia giurata.

La Regione Sicilia ha approvato dei moduli unificati e standardizzati per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze in materia edilizia. Come riportato sul sito della Regione questi modelli unificati sono stati adottati “con deliberazione della Giunta regionale n. 237 del 14 giugno 2017 in conformità alle determinazioni della Conferenza Unificata del 4 maggio 2017 con la quale è stato sancito l’ Accordo tra il Governo, le Regioni e gli Enti locali concernente l’adozione di moduli unificati e standardizzati per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze e che fanno parte integrante e sostanziale del presente provvedimento”.

Modelli (clicca qui per andare alla sezione modulistica e scaricare i documenti in pdf):
1.Mod.PdC – presentazione dell’istanza per il rilascio del permesso di costruire (PdC) ex art.10 del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall’art. 5 della l.r. n. 16/2016;
2.Mod.SCIAlett.f – segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ex art. 22 del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall’art. 10 della l.r. n. 16/2016;
3.Mod.SCIAlett.g – segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) alternativa al permesso di costruire, ex art. 23 del DPR n. 380/2001, recepito dall’art. 1 della l.r. n. 16/2016;
4.Mod.CIL – comunicazione di inizio lavori (CIL), relativa agli interventi di edilizia libera ex art. 6, comma 2 del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall’art. 3 della l.r. n. 16/2016;
5.Mod.CILA – comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA), relativa agli interventi di edilizia libera ex art. 6, comma 3 del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall’art. 3 della l.r. n. 16/2016;
6.Mod.DIA – dichiarazione di inizio attività (DIA) relativa agli interventi di edilizia libera ex art. 22, comma 4, del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall’art. 10 della l.r. n. 16/2016;
7.Mod.SCA – segnalazione certificata di agibilità (SCA) ex art. 24 del DPR n. 380/2001, recepito dinamicamente dall’art. 1 della l.r. n. 16/2016, sostituito dall’articolo 3, comma 1, lett. l) del decreto legislativo 25 novembre 2016, n. 222;
8.Mod.CFL – alla comunicazione di fine lavori (CFL) ex art. 6, comma 4, del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall’art. 3 della l.r. n. 16/2016 e art. 22, comma 3, del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall’art. 10 della l.r. n. 16/2016.

 

Al fine di agevolare l’utenza, standardizzare e razionalizzare l’iter di richiesta di Permesso di Costruire,  D.I.A., SCIA, ecc. questo ufficio fornisce la relativa modulistica On Line, disponibile sui link di seguito indicati.

Sono inseriti in rete diversi modelli che periodicamente saranno aggiornati, integrati o rettificati, anche in caso di novità derivanti da interventi regionali. Sono inoltre pubblicate le tavole principali del PRG e i vincoli esistenti; l’obiettivo è anche quello di mettere l’utente nelle condizioni di avere disponibile un quadro completo delle possibilità edificatorie esistenti, in modo da fornire una risposta chiara e immediata a chi intende ipotizzare un investimento nel nostro territorio.

La modulistica dovrà utilizzarsi per la presentazione delle pratiche presso l’Ufficio Protocollo.

Gli Uffici sono aperti al pubblico nei giorni di ricevimento il martedì e mercoledì dalle ore 10.30 alle ore 13.30, Giovedì dalle 15.30 alle 18.00.

PER IL VERSAMENTO DI ONERI CONCESSORI E SANZIONI AMMINISTRATIVE IL CONTO CORRENTE POSTALE N. 11644960. Indicare la causale.