Elezioni Europee 2024

Come pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 27 del 2 febbraio 2024,

Si comunica che il Consiglio dell’Unione europea  ha  preso  atto che le decime elezioni dei membri del Parlamento europeo a  suffragio universale e diretto si svolgeranno nel periodo compreso tra giovedì 6 e domenica 9 giugno 2024, a norma degli articoli 10, paragrafo 1, e 11, paragrafo 2, primo comma, dell’atto firmato  a  Bruxelles  il  20 settembre 1976.

Per le elezioni del Parlamento europeo, si distinguono due casi:

– Elettori temporaneamente all’estero (Paesi UE) e familiari conviventi
In occasione delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo, che si svolgeranno in tutti i Paesi membri dell’Unione Europea nel periodo compreso tra giovedì 6 e domenica 9 giugno 2024, gli elettori italiani che si trovano temporaneamente nel territorio di un Paese membro dell’UE per motivi di lavoro o di studio, nonché i familiari con essi conviventi, possono votare per i membri spettanti all’Italia presso i seggi istituiti dagli Uffici consolari di riferimento.

Per essere ammessi al voto è necessario presentare entro il 21 marzo 2024 (termine tassativo e non derogabile) al Consolato competente apposita domanda diretta al Sindaco del Comune di iscrizione alle liste elettorali, preferibilmente redatta utilizzando il modello modello qui disponibile

La richiesta deve riportare l’indicazione specifica dei motivi, di studio o lavoro, per i quali il connazionale si trova nel territorio della circoscrizione consolare e deve essere corredata dall’attestazione del datore di lavoro/dell’istituto od ente presso cui svolge la sua attività di studio oppure da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà redatta ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000, che contenga l’indicazione dell’attività di lavoro o studio svolta, ovvero la qualità di familiare convivente.

Le stesse norme si applicano anche ai familiari conviventi che si trovano all’estero.


– Elettori residenti all’estero (AIRE)

Tutti gli elettori residenti all’estero riceveranno dal Comune italiano di iscrizione AIRE la cartolina-avviso contenente le indicazioni di seguito riassunte.

Solo i cittadini AIRE residenti in un Paese UE possono votare i rappresentanti italiani al Parlamento dell’Unione europea presso l’Ambasciata / il Consolato italiano di riferimento con  il certificato elettorale che riceveranno a casa, se non hanno fatto opzione di votare i rappresentanti del Paese in cui sono residenti (in questo caso attenersi alla normativa del Paese in cui si intende votare, informandosi presso gli organi ufficiali).
In alternativa, con lo stesso certificato e portando con sé la propria tessera elettorale, possono decidere di rientrare in Italia e votare nel proprio Comune di iscrizione AIRE, presentando apposita richiesta al Sindaco entro il giorno precedente alle votazioni.

Attenzione:
– se si è optato per votare i rappresentanti del Paese UE di residenza, non è possibile votare in Italia.
– i cittadini AIRE residenti in un Paese extra UE che intendono votare i rappresentanti italiani al Parlamento dell’Unione europea devono rientrare in Italia nel proprio Comune di iscrizione AIRE.

Si ricorda che:

Sono interessati gli elettori UE, cittadini dei seguenti Stati da intendersi ognuno “Stato Membro U.E.)

Austria (AT), Belgio (BE), Bulgaria (BG), Repubblica Ceca (CZ), Cipro (CP), Germania (DE), Danimarca (DK), Estonia (EE), Spagna (ES), Finlandia (FI), Francia (FR), Grecia (GR), Croazia (HR), Ungheria (HU), Irlanda (IE), Lituania (LT), Lussemburgo (LU), Lettonia (LV), Malta (MT), Paesi Bassi (NL), Polonia (PL), Portogallo (PT), Romania (RO), Svezia (SE), Slovenia (SI) e Slovacchia (SK).

=========================================================================

Di seguito, alcune faq e relativi chiarimenti a riepilogo ed in merito a quanto sopra:

Faq 1: RICEVO, PER VOTARE, IL PLICO ELETTORALE A CASA?

No, per le elezioni europee, l’ufficio consolare organizza dei seggi elettorali. L’elettore riceve la cartolina elettorale a casa con l’indicazione del seggio dove potrà recarsi per esprimere il proprio voto.

Faq 2: ALLA DATA DELLE ELEZIONI SARO’ TEMPORANEAMENTE IN UNO (Stato Membro U.E.) POSSO VOTARE NEI SEGGI ALLESTITI DAGLI UFFICI CONSOLARI?

Se siete temporaneamente residente in (Stato Membro U.E.), per motivi di studio o lavoroo siete familiari conviventi, potete inoltrare al Comune di iscrizione elettorale in Italia, l’istanza per votare nei seggi allestiti dagli uffici consolari. La richiesta va inviata all’ufficio consolare competenteentro e non oltre il termine tassativo e non derogabile del 21 marzo 2024, che curerà la trasmissione al Comune competente. Per gli inoltri in cartaceo NON fa fede il timbro postale.

Faq 3: HO RICEVUTO LA COMUNICAZIONE DALLE AUTORITA’ DELLO (Stato Membro U.E.) CHE POSSO ISCRIVERMI NELLE LISTE ELETTORALI LOCALI.

E’ possibile, non obbligatorio, iscriversi nelle liste elettorali del comune di residenza belga, se si intende votare per i candidati locali. Per le modalità di iscrizione nelle liste locali contattare il comune dello (Stato Membro U.E.) di residenza. Chi ha optato per votare per i candidati locali, verrà depennato dalla lista elettorale italiana e non potrà votare per i candidati italiani.

Faq 4: POSSO VOTARE PRESSO IL SEGGIO IN ITALIA?

L’elettore italiano residente all’estero in un Paese dell’UE e iscritto all’AIRE, o temporaneamente ivi domiciliato per motivi di studio o lavoro (che abbia presentato domanda di voto all’estero nei termini previsti), se rientra in Italia, può votare presso il proprio Comune di iscrizione elettorale. In tal caso deve farne esplicita richiesta, entro il giorno precedente quello della votazione, al Sindaco del suddetto Comune. Si ritiene opportuno rammentare che il doppio voto è vietato e penalmente sanzionato. Chi vota per i rappresentanti spettanti all’Italia presso le sezioni elettorali istituite all’estero dagli uffici diplomatico-consolari NON potrà farlo anche presso le sezioni elettorali in Italia, e viceversa

Faq 5: HO LA DOPPIA CITTADINANZA DI UNO (Stato Membro U.E.) ED ITALIANA. POSSO SCEGLIERE SE VOTARE PER I CANDIDATI DELLO (Stato Membro U.E.) O PER I CANDIDATI ITALIANI?

L’elettore che è in possesso di più cittadinanze di Paesi membri dell’Unione Europea, potrà esercitare il diritto di voto per i rappresentanti spettanti a uno solo degli Stati di cui è cittadino. Si ritiene opportuno rammentare che il doppio voto è vietato: se si vota a favore di un candidato per i seggi spettanti all’Italia NON si potrà esprimere il voto anche per un candidato per i seggi spettanti al Paese Membro UE di residenza e viceversa.

Faq 6: MI TROVO FUORI DALL’UNIONE EUROPEA ALLA DATA DELLE ELEZIONI. E’ PREVISTO IL VOTO NEI PAESI EXTRA EUROPEI?

 Non è previsto l’allestimento di seggi elettorali nei paesi fuori dall’Unione Europea. Pertanto non è possibile votare per le elezioni europee al di fuori del territorio dell’Unione Europea.

Faq 7: POSSO INOLTRARE CONTEMPORANEAMENTE UNA RICHIESTA DI ISCRIZIONE AIRE E UNA ISTANZA PER VOTARE COME TEMPORANEO?

No, non è possibile dichiarare di essere residenti all’estero e allo stesso tempo inoltrare una domanda di ammissione al voto come temporaneamente residente all’estero. Per chi ha una domanda di iscrizione AIRE in corso, è possibile richiedere il nulla osta al voto al Comune italiano. Previa autorizzazione del Comune, il concittadino potrà essere ammesso al voto.